• Salvatore Domenico   POGLIESE  

Salvatore Domenico POGLIESE : Written explanations of vote - 8th parliamentary term 

Members can submit a written explanation of their vote in plenary. Rule 194

EU guarantee to the European Investment Bank against losses under financing operations supporting investment projects outside the Union (A8-0135/2017 - Eider Gardiazabal Rubial) IT  
 

L'UE fornisce una garanzia di bilancio alla Banca europea per gli investimenti (BEI) con un massimale di 30 miliardi di euro (27 miliardi di euro più 3 miliardi di euro di riserva) per le operazioni "esterne" per il periodo 2014-2020. Le nuove norme proposte in questa relazione libererebbero questi 3 miliardi di euro attualmente posti in riserva. Di questi, un importo fino a 1,4 miliardi di euro verrebbe destinato ai progetti del settore pubblico che affrontano le cause profonde della migrazione. Un ulteriore importo, pari a 2,3 miliardi di euro, verrebbe destinato ai prestiti per il settore privato per i progetti connessi all'immigrazione. I progetti realizzati al di fuori dell'UE rappresentano circa il 10% del totale dei prestiti BEI. Con il mio voto favorevole di oggi auspico che si possa migliorare l'azione esterna dell'UE attraverso un migliore utilizzo della BEI, aumentando la capacità di investimento con uno sforzo speciale nei paesi mediterranei e africani per contribuire all'eliminazione delle cause profonde della migrazione.

Annual report on the financial activities of the European Investment Bank (A8-0013/2018 - Eider Gardiazabal Rubial) IT  
 

La relazione osserva che il valore dei prestiti sottoscritti dalla BEI dovrebbe aumentare ancora nel 2019 (a 76 miliardi di euro, dopo un calo da 77 miliardi di EUR nel 2014 a 73 miliardi di EUR nel 2016). Si evidenzia che l'attuale contesto dovrebbe incoraggiare la banca ad adottare obiettivi più ambiziosi e ad aumentare i prestiti sottoscritti dalla BEI. La relazione ricorda, infine, che la BEI dovrebbe svolgere un ruolo fondamentale nell'attuazione della strategia Europa 2020 attraverso lo strumento Orizzonte 2020. Per tutto ciò, ho votato a favore della presente relazione.

Composition of the European Parliament (A8-0007/2018 - Danuta Maria Hübner, Pedro Silva Pereira) IT  
 

La distribuzione dei seggi nel Parlamento europeo deve seguire le disposizioni dell'articolo 14 del TUE che prevede che siano distribuiti tra gli Stati membri non più di 751 seggi, con un minimo di 6 e un massimo di 96 seggi per ciascuno Stato. La relazione in oggetto propone una nuova distribuzione dei seggi basata su tre principi: il rispetto del principio della proporzionalità degressiva, nessuna perdita degli attuali seggi spettanti a ciascuno Stato membro e una redistribuzione minima dei seggi resi vacanti dall'uscita del Regno Unito. Nel testo si prevede per la legislatura 2019-2024 un totale di 705 seggi. Dei 73 seggi attualmente occupati da deputati del Regno Unito, 27 verranno ripartiti tra i 14 Stati UE sottorappresentati (3 andranno all'Italia). I 46 seggi rimanenti dovrebbero essere messi in riserva. Tutti o una parte di essi potranno essere riassegnati a nuovi paesi che aderiranno all'UE nel breve futuro. Ho votato a favore della presente risoluzione affinché si possa approvare una ripartizione equa dei seggi del Parlamento europeo, in maniera tale da garantire un'adeguata rappresentanza dei popoli e dei territori che compongono l'UE favorendo la promozione di una democrazia dal basso, partecipativa e comunitaria.

Revision of the Framework Agreement on relations between the European Parliament and the European Commission (A8-0006/2018 - Esteban González Pons) IT  
 

Per dare seguito al discorso sullo stato dell'Unione del Presidente della Commissione Juncker, sono stati presentati degli emendamenti all'accordo quadro tra il Parlamento europeo e la Commissione europea per permettere ai Commissari di essere scelti come “Spitzenkandidaten” dai partiti politici europei e di partecipare alla campagna elettorale, come candidati nelle elezioni per il Parlamento europeo, senza dover prendere congedo elettorale. La relazione ricorda che, secondo i trattati, il Presidente della Commissione è eletto dal Parlamento europeo, su proposta del Consiglio europeo, tenuto conto delle elezioni del Parlamento europeo e che, il processo dei cosiddetti “Spitzenkandidaten” riflette l'equilibrio interistituzionale tra il Consiglio europeo e il Parlamento europeo. La relazione invita i partiti politici europei a nominare il loro “Spitzenkandidaten” per le prossime elezioni europee, come hanno fatto nel 2014, attraverso un dialogo aperto e democratico. Ho votato a favore al fine di sottolineare che il processo dei candidati alla guida della Commissione rappresenta un importante contributo per il rafforzamento della dimensione politica del processo d'integrazione. Ritengo che il fatto che i cittadini conoscano i candidati alla Presidenza della Commissione europea prima delle elezioni sia un passo importante nella giusta direzione.

Automated data exchange with regard to vehicle registration data in Portugal (A8-0017/2018 - Ignazio Corrao) IT  
 

Scopo della relazione è autorizzare il Portogallo a ricevere e trasmettere dati di immatricolazione dei veicoli con lo scopo di facilitare e rafforzare la cooperazione transfrontaliera delle autorità responsabili nella lotta al terrorismo e al crimine transfrontaliero. Con una risoluzione sull'agenda europea in materia di sicurezza, il Parlamento europeo ha approvato il progetto di decisione del Consiglio relativo all'avvio in Portogallo dello scambio automatizzato di dati di immatricolazione dei veicoli. Ho votato a favore di questa decisione.

Control of exports, transfer, brokering, technical assistance and transit of dual-use items (A8-0390/2017 - Klaus Buchner) IT  
 

La proposta di riforma del regime di controllo delle esportazioni dell'Unione attraverso una rifusione del regolamento 428/2009 sui prodotti a duplice uso presentata dalla Commissione europea costituisce un importante atto normativo.
La proposta della Commissione mira a rivedere il regolamento per migliorare il sistema attuale di controllo delle esportazioni dell'Unione europea e per rispondere alle nuove sfide come la proliferazione delle armi di distruzione massiva e del terrorismo, nonché a quelle poste dalle nuove tecnologie.
Questo regolamento contiene alcune proposte che potrebbero contribuire a sostenere la nostra politica estera e di sicurezza comune promuovendo la pace e la stabilità nel mondo. Ho votato a favore della sua approvazione.

Promotion of the use of energy from renewable sources (A8-0392/2017 - José Blanco López) IT  
 

Lo sviluppo delle energie rinnovabili rappresenta un'opportunità di grande importanza sia per le imprese che per la creazione di nuova occupazione nell'Unione. Sono convinto che all'interno dell'UE sia necessario continuare ad investire su tutta la base di conoscenze tecnologiche, le strutture industriali e i professionisti qualificati già esistenti.
Inoltre, l'uso di energia da fonti rinnovabili contribuisce ad incrementare l'indipendenza energetica dell'UE, migliorando la sicurezza dell'energia e riducendo il livello di vulnerabilità nei confronti dei fornitori esterni di energia. Affinché tale processo non si fermi e prosegua nella giusta direzione, ho deciso di votare a favore.

Management, conservation and control measures applicable in the Convention Area of the South Pacific Regional Fisheries Management Organisation (A8-0377/2017 - Linnéa Engström) IT  
 

Il presente regolamento mira a recepire le misure di conservazione e gestione già esistenti nella zona soggetta alla convenzione dell'Organizzazione regionale di gestione della pesca per il Pacifico meridionale (SPRFMO). Si tratta di un atto legislativo volto a realizzare un quadro normativo europeo, coerente con le regole vigenti a livello internazionale, al fine di rendere l'attività ittica più sostenibile a garantire i più alti standard di controllo e di sicurezza. Ho votato a favore della sua approvazione.

Implementation of EU macro-regional strategies (A8-0389/2017 - Andrea Cozzolino) IT  
 

Negli ultimi anni le strategie macroregionali (SMR) hanno acquisito una maggiore importanza. Esse forniscono un quadro integrato per affrontare le sfide comuni e sfruttare le potenzialità comuni offerte dall'UE. Nel periodo di programmazione 2014-2020, le SMR sono state integrate nei fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE). In vista della nuova programmazione, operativa a partire dal 2020, e tenendo presente il crescente ruolo delle realtà locali, le quali sono più vicine ai cittadini e maggiormente in grado di interpretare e dare risposte ai loro bisogni, ritengo che sia opportuno continuare ad investire risorse sulle strategie macroregionali. Per questi motivi ho deciso di votare in maniera favorevole.

Conservation of fishery resources and protection of marine ecosystems through technical measures (A8-0381/2017 - Gabriel Mato) IT  
 

La proposta del relatore, mira alla realizzazione di misure regionalizzate, adattate alle specificità di ogni zona di pesca e di ciascun bacino marino. Le misure tecniche proposte, mirano ad adottare un approccio più flessibile, e alla realizzazione di una gestione delle risorse ittiche, basata sui risultati e su un maggiore coinvolgimento nel processo decisionale. Altro obiettivo prioritario delle misure tecniche in oggetto, è limitare le catture indesiderate e ridurre l'impatto della pesca sulle specie e gli ecosistemi vulnerabili. Al fine di raggiungere tali obiettivi, il testo disciplina cosa è possibile pescare, con quali strumenti e quando e dove praticare attività di pesca. In un settore così nevralgico della nostra economia, ritengo sia fondamentale che l'Unione europea fissi regole certe, nel rispetto dell'ambiente e del prezioso lavoro dei pescatori, i quali spesso operano in condizioni ambientali ed economiche molto complesse. Ritengo che il testo sia equilibrato e per questo motivo ho deciso di votare a favore della sua approvazione.

International ocean governance: an agenda for the future of our oceans in the context of the 2030 Sustainable Development Goals (A8-0399/2017 - José Inácio Faria) IT  
 

Il 70% della superficie del pianeta è costituito da mari e oceani e le acque marine rappresentano il 97% delle sue risorse idriche. I mari ci offrono cibo, energia, mobilità, medicine e svago, ma regolano anche il nostro clima, ci forniscono metà del nostro ossigeno e assorbono una notevole porzione dell'anidride carbonica che emettiamo. Gli oceani sono infatti i nostri più grandi alleati contro il cambiamento climatico e per questo motivo, sono stati inseriti, nell'accordo di Parigi. Il riscaldamento degli oceani a livello mondiale rappresenta circa il 93% del riscaldamento terrestre negli ultimi 60 anni e tutte le previsioni disponibili sulla temperatura delle acque degli oceani suggeriscono che tale riscaldamento degli oceani continuerà. Gli oceani assorbono il 25% delle emissioni di carbonio che produciamo e ridistribuiscono il calore in tutto il mondo. Abbiamo il dovere di agire. Per questo, ho votato favorevolmente all'approvazione di questa relazione.

Women, gender equality and climate justice (A8-0403/2017 - Linnéa Engström) IT  
 

Ho votato contro questa relazione in quanto, al suo interno, vengono messi insieme, in maniera fuorviante, concetti relativi a temi completamente diversi. Sono convinto che la relatrice abbia usato un approccio sbagliato pur partendo da obiettivi condivisibili, quali la promozione delle pari opportunità e la difesa dell'ambiente.

Mobilisation of the European Union Solidarity Fund to provide for the payment of advances in the general budget 2018 (A8-0371/2017 - Inese Vaidere) IT  
 

Il Fondo di solidarietà dell'Unione europea (FSUE) è stato istituito per permettere all'Unione di rispondere alle situazioni di emergenza provocate da catastrofi naturali gravi e per dimostrare solidarietà con le regioni colpite da tali eventi. Esso può altresì essere mobilitato in caso di catastrofe su scala regionale. L'attuale proposta di decisione del Parlamento europeo e del Consiglio non è collegata a un caso specifico di catastrofe naturale. Essa mira piuttosto a iscrivere nel bilancio generale dell'Unione per il 2018 l'importo di 50 milioni di EUR in stanziamenti di impegno e di pagamento per il tempestivo ed efficiente versamento di anticipi, nel caso in cui dovessero verificarsi catastrofi il prossimo anno. Si tratta del risultato diretto di una nuova disposizione, difesa con fermezza dal Parlamento europeo, che si prefigge di sveltire l'erogazione degli aiuti a favore dei paesi colpiti attraverso il pagamento di un anticipo prima che sia presa la decisione di concessione definitiva, migliorando in tal modo l'efficacia del Fondo. Ho votato a favore della presente relazione perché ritengo che il Fondo di solidarietà dell'UE contribuisce anche a inviare un chiaro messaggio politico di solidarietà, fornendo nel contempo l'assistenza necessaria alle zone colpite.

Mobilisation of the European Globalisation Adjustment Fund: application EGF/2017/003 GR/Attica retail (A8-0367/2017 - Marie-Pierre Vieu) IT  
 

Il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione è stato istituito per fornire un sostegno supplementare ai lavoratori che risentono delle conseguenze dei grandi cambiamenti strutturali del commercio mondiale. Il 23 ottobre 2017, la Commissione ha adottato una proposta di decisione sulla mobilitazione del FEG a favore della Grecia per sostenere il reinserimento nel mercato del lavoro dei lavoratori collocati in esubero. Tali esuberi, nelle 11 regioni interessate, rischiano di aggravare ulteriormente la precaria situazione occupazionale locale, che risente già di una grave carenza di offerta di lavoro rispetto all'elevato numero di richiedenti lavoro. Essa riguarda 725 lavoratori, tutti i quali si prevede parteciperanno alle misure proposte, e si riferisce alla mobilitazione del FEG per un importo totale di 2 949 150 EUR. Ho votato a favore, affinché la mobilitazione del FEG possa contribuire ad alleviare la situazione della disoccupazione nelle regioni interessate, in particolare, per le persone di età superiore ai 55 anni, che rappresentano oltre l'85 % dei lavoratori interessati.

2018 budgetary procedure (A8-0359/2017 - Siegfried Mureşan, Richard Ashworth) IT  
 

Data la necessità di gestire azioni pluriennali, il bilancio dell'UE si divide in stanziamenti di impegno e in stanziamenti di pagamento. Gli stanziamenti d'impegno per il 2018 ammontano complessivamente a 160,1 miliardi di euro e gli stanziamenti di pagamento a 144,7 miliardi di euro. Vengono eliminati i tagli di 750 milioni di euro operati dal Consiglio nel settore "crescita e occupazione" e garantito all'Iniziativa per l'occupazione giovanile un incremento di 116,7 milioni di euro in stanziamenti d'impegno, portando così il totale a 350 milioni di euro, per aiutare i giovani che cercano lavoro. Maggiori stanziamenti, rispetto a quelli proposti dalla Commissione, per le agenzie con compiti connessi alla sicurezza. Aumento di 80 milioni di euro (rispetto al progetto della Commissione) nella linea di bilancio per le azioni esterne dell'UE sulle sfide migratory . Sono stati inoltre aumentati di 95 milioni di euro i fondi destinati a sostenere le pratiche agricole che favoriscono il clima e l'ambiente. Ho votato a favore di questo bilancio perché risponde alle aspettative dei cittadini dell'UE nei confronti dell'Europa: occupazione, crescita economica e sicurezza.

Changes to the resources for economic, social and territorial cohesion and to the resources for the investment for growth and jobs goal and for the European territorial cooperation goal (A8-0358/2017 - Iskra Mihaylova) IT  
 

La relazione osserva che la proposta in esame comporta una serie di modifiche tecniche ai dati contenuti nel RDC (regolamento recante disposizioni comuni (RDC - regolamento (UE) n. 1303/2013), al fine di rispecchiare le varie decisioni già adottate per aggiornare o adeguare il finanziamento dei programmi di coesione. Tali modifiche sono il risultato di calcoli puramente tecnici che la Commissione deve effettuare ai sensi delle disposizioni del RDC o dei cambiamenti al quadro finanziario pluriennale (QFP) che il Parlamento aveva già approvato. Il Parlamento può pertanto approvare tali modifiche senza emendamenti. In considerazione dell'urgenza di portare avanti l'iniziativa a favore dell'occupazione giovanile, ho votato a favore.

Instrument contributing to stability and peace (A8-0261/2017 - Arnaud Danjean) IT  
 

La presente proposta consente di rafforzare la coerenza dell'azione dell'Unione europea e di realizzare gli obiettivi della strategia globale per la politica estera e di sicurezza, presentata nel giugno 2016 dall'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza. L'obiettivo è consentire all'Unione di finanziare, mediante risorse proprie, iniziative di formazione e la fornitura di attrezzature utili alle forze di sicurezza dei paesi terzi. Tale sostegno dell'Unione ai suoi partner contribuirà alla sostenibilità e all'efficienza delle iniziative di formazione fornite dall'UE nonché al consolidamento dello Stato di diritto. Abbiamo missioni che lavorano con le forze armate in alcuni paesi in via di sviluppo, che forniscono formazione, ma che non hanno gli strumenti legali e finanziari per consentire alle forze armate di sostenere attività di sviluppo in paesi come Mali, Somalia, Niger o Repubblica Centrafricana. Questo strumento non è progettato per acquistare o consegnare armi, ma costruire ospedali e sviluppare sistemi di comunicazione. Per tutto ciò, ho votato favorevolmente.

Ranking of unsecured debt instruments in insolvency hierarchy (A8-0302/2017 - Gunnar Hökmark) IT  
 

La relazione accoglie con favore l'introduzione della norma TLAC (capacità totale di assorbimento delle perdite) nella legislazione europea, nella BRRD (bank recovery and resolution directive) e nell'SRMR (single resolution mechanism regulation), sulla base di norme internazionali per le banche a rilevanza sistemica globale. Allo stesso tempo, il capitale subordinato speciale previsto per l'assorbimento delle perdite non è inteso ad aggirare il fatto che qualsiasi tipo di capitale e tutti i debiti sono ammessi al bail-in, ma piuttosto che il debito subordinato è inteso ad agevolare un processo di risoluzione rapido e stabile, senza limitare il debito che può essere ammesso al bail-in. Ho votato a favore di questa relazione affinché ciò possa finalmente fare chiarezza per stabilire quando una banca si trova in gravi difficoltà, in modo che i rischi rimangano a carico di chi li assume. I correntisti e i contribuenti correranno così meno rischi.

Administrative cooperation and combating fraud in the field of value added tax (A8-0306/2017 - Luděk Niedermayer) IT  
 

La relazione costituisce l'adeguamento tecnico del regolamento relativo alla cooperazione amministrativa e alla lotta contro la frode in materia d'imposta sul valore aggiunto risultante dalle modifiche presentate nella proposta sulla modernizzazione dell'IVA per il commercio elettronico transfrontaliero da impresa a consumatore (B2C). Tale misura mira a migliorare il coordinamento tra le autorità fiscali in materia di informazioni sui soggetti d'imposta per facilitare il funzionamento del sistema online. Ritengo che tale proposta sia di aiuto nella prevenzione delle frodi e per una riscossione dell'IVA più efficiente, avendo chiare ripercussioni positive sul bilancio degli Stati membri. Per tutto ciò, ho votato a favore.

Implementation of the European Disability Strategy (A8-0339/2017 - Helga Stevens) IT  
 

Quasi una persona su sei nell'UE vive con una qualche forma di disabilità. Con l'invecchiamento della popolazione, questo numero dovrebbe aumentare in modo significativo. La strategia europea per la disabilità 2010-2020 della Commissione, adottata nel 2010, fornisce orientamenti per l'attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (UNCRPD), di cui l'UE è parte. Il 6 dicembre, il Parlamento europeo ospiterà il 4° Parlamento europeo delle persone con disabilità, che riunirà organizzazioni rappresentative di persone con disabilità provenienti da tutta Europa, deputati europei e rappresentanti di altre istituzioni dell'UE. La risoluzione valuta il funzionamento della strategia europea per la disabilità 2010-2020 della Commissione ed elenca le azioni chiave nelle sue otto aree prioritarie: accessibilità, partecipazione, uguaglianza, occupazione, istruzione e formazione, protezione sociale, salute e azioni esterne. Ritengo che le persone con disabilità abbiano il diritto alla parità di trattamento, a vivere in modo indipendente e a essere membri a pieno titolo della società, ma nonostante un numero elevato di programmi e leggi, non godono ancora pienamente dei loro diritti. Auspico, pertanto, con il voto favorevole di oggi, che l'UE e i suoi Stati membri intensifichino gli sforzi per mettere pienamente in pratica gli impegni della strategia europea in materia di disabilità.