David BORRELLI : 8ª legislatura 

Gruppi politici 

  • 01-07-2014 / 15-10-2014 : Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia diretta - Copresidente
  • 16-10-2014 / 19-10-2014 : Non iscritti
  • 20-10-2014 / 16-01-2017 : Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia diretta - Copresidente
  • 17-01-2017 / 12-02-2018 : Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia diretta - Membro
  • 13-02-2018 / 16-04-2019 : Non iscritti
  • 17-04-2019 / 01-07-2019 : Gruppo dell'Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa - Membro

Partiti nazionali 

  • 01-07-2014 / 13-02-2018 : Movimento 5 Stelle (Italia)
  • 14-02-2019 / 16-04-2019 : Independent (Italia)
  • 17-04-2019 / 01-07-2019 : Più Europa (Italia)

Deputati 

  • 01-07-2014 / 15-10-2014 : Conferenza dei presidenti
  • 01-07-2014 / 18-01-2017 : Commissione per il commercio internazionale
  • 01-07-2014 / 18-01-2017 : Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia
  • 14-07-2014 / 01-07-2019 : Delegazione per le relazioni con il Sudafrica
  • 15-09-2014 / 01-07-2019 : Delegazione per le relazioni con i paesi del Mashreq
  • 18-09-2014 / 01-07-2019 : Delegazione all'Assemblea parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo
  • 20-10-2014 / 16-01-2017 : Conferenza dei presidenti
  • 19-01-2017 / 01-07-2019 : Commissione per il commercio internazionale
  • 19-01-2017 / 01-07-2019 : Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia

Membro sostituto 

  • 01-07-2014 / 17-07-2014 : Commissione per gli affari esteri
  • 14-07-2014 / 12-02-2018 : Delegazione per le relazioni con il Mercosur
  • 14-07-2014 / 12-02-2018 : Delegazione all'Assemblea parlamentare euro-latinoamericana
  • 11-09-2014 / 17-09-2014 : Delegazione all'Assemblea parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo
  • 17-11-2014 / 12-02-2018 : Delegazione alla commissione parlamentare mista UE-Turchia

Attività parlamentari principali 

Relazioni in quanto relatore 
In seno alla commissione parlamentare competente viene nominato un relatore incaricato di elaborare un progetto di relazione su proposte legislative o di bilancio o su altre questioni. Nel redigere la relazione, i relatori possono avvalersi della consulenza dei pertinenti esperti o soggetti interessati. I relatori sono inoltre responsabili di elaborare gli emendamenti di compromesso e di condurre i negoziati con i relatori ombra. Le relazioni approvate in commissione sono quindi esaminate e votate in Aula. Articolo 55 del regolamento

Pareri in quanto relatore 
Le commissioni possono elaborare un parere sulla relazione della commissione competente in cui trattano aspetti rientranti nelle proprie attribuzioni. I relatori per parere sono inoltre responsabili di elaborare gli emendamenti di compromesso e di condurre i negoziati con i relatori per parere ombra. Articoli 56 e 57 e allegato VI del regolamento

PARERE sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce uno strumento di assistenza preadesione (IPA III)  
- INTA_AD(2018)628720 -  
-
INTA 
PARERE sul progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione, a nome dell'Unione, dell'accordo rafforzato di partenariato e di cooperazione tra l'Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Repubblica del Kazakhstan, dall'altra  
- INTA_AD(2017)609316 -  
-
INTA 
PARERE sulla proposta di risoluzione non legislativa sul progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione, a nome dell'Unione, dell'accordo rafforzato di partenariato e di cooperazione tra l'Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Repubblica del Kazakhstan, dall'altra  
- INTA_AD(2017)609319 -  
-
INTA 

Pareri in quanto relatore ombra 
I gruppi politici possono nominare, per ogni parere, un relatore ombra per seguire i progressi e negoziare testi di compromesso con il relatore. Articolo 215 del regolamento

PARERE sul progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione, a nome dell'Unione europea, dell'accordo di partenariato globale e rafforzato tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e la Repubblica d'Armenia, dall'altra  
- INTA_AD(2018)615404 -  
-
INTA 
PARERE sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa al quadro giuridico e operativo della carta elettronica europea dei servizi introdotta dal regolamento ... [regolamento ESC]  
- ITRE_AD(2017)601268 -  
-
ITRE 
PARERE sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che introduce una carta elettronica europea dei servizi e le relative strutture amministrative  
- ITRE_AD(2017)601274 -  
-
ITRE 

Interrogazioni orali 
Una commissione, un gruppo politico o almeno il 5 % dei membri che compongono il Parlamento possono rivolgere interrogazioni con richiesta di risposta orale seguita da discussione alla Commissione europea, al Consiglio o al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione. Articolo 136 del regolamento

Interpellanze principali 
Una commissione, un gruppo politico o almeno il 5 % dei membri che compongono il Parlamento possono rivolgere interpellanze principali con richiesta di risposta scritta seguite da discussione alla Commissione europea, al Consiglio o al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione. Articolo 139 e allegato III del regolamento

Altre attività parlamentari 

Dichiarazioni di voto scritte 
I deputati possono rilasciare una dichiarazione scritta sul proprio voto in Aula. Articolo 194 del regolamento

Promozione della connettività Internet nelle comunità locali (A8-0181/2017 - Carlos Zorrinho)  
 

L'iniziativa WiFi4EU permetterà ai cittadini, di accedere a una rete Internet ad alta velocità, tramite punti di connessione Wi-Fi gratuiti, in spazi pubblici, quali piazze, stazioni, biblioteche e musei. Si tratta quindi di un'ottima iniziativa e per questo ho votato a favore.
Tuttavia, noi avremmo voluto un budget maggiore perché, i 120 milioni stanziati, saranno sufficienti a finanziare soltanto una minima parte degli enti locali, che faranno richiesta.
Una piattaforma on-line sarà aperta a breve, per consentire agli enti pubblici di presentare la propria candidatura, ma i 120 milioni di euro verranno assegnati alle comunità in base all'ordine in cui arriveranno le domande, rispettando anche un equilibrio geografico. E in molti purtroppo resteranno a bocca asciutta!
Noi avremmo voluto affrontare in maniera più seria il divario digitale e la mancanza di una connettività omogenea in alcune regioni d'Europa, regioni che molto spesso sono tagliate fuori dalle opportunità, offerte da una rete Internet di alta qualità.
Ci batteremo per far sì, che l'iniziativa venga replicata anche oltre il 2020 e con una maggiore dotazione finanziaria.
Infine, sarà importante il coinvolgimento delle PMI locali, per l'installazione e la manutenzione dei servizi Wi-Fi, in modo da favorire l'innovazione e l'occupazione nelle comunità locali.

Uso della banda di frequenza 470-790 MHz nell'Unione (A8-0327/2016 - Patrizia Toia)  
 

Il motivo principale per il quale ho votato contro l'accordo è la tempistica di rilascio della banda di frequenza dei 700 MHz, banda essenziale per lo sviluppo della tecnologia 5G.
La proposta della Commissione europea prevedeva come data limite per il rilascio di tale banda il 30 giugno 2020, la relatrice invece ha voluto fortemente inserire una flessibilità di 2 anni per gli Stati membri, rinviando di fatto al 2022. Così l'Unione europea rischia di perdere la corsa per il 5G perché nel frattempo il resto del mondo si sta già attrezzando.
Come Movimento 5 Stelle, seppur ben consci delle peculiarità del nostro paese e dei suoi ritardi infrastrutturali, avevamo comunque proposto in Commissione ITRE alcuni emendamenti per favorire il coordinamento tra gli Stati membri e per accelerare i tempi.
Un ritardo di due anni su tutto il processo non è la soluzione giusta. In alcuni Stati membri questa potrebbe essere l'occasione giusta per liberare quella domanda per servizi a banda ultra larga la cui assenza, fino ad oggi, ha contribuito ai ritardi infrastrutturali. Soprattutto per i Paesi che sono rimasti indietro, quella della banda dei 700 MHz e dello sviluppo di reti 5G, è un'opportunità da sfruttare al meglio.

Iniziativa europea per il cloud computing (A8-0006/2017 - Jerzy Buzek)  
 

Ho seguito in qualità di relatore ombra l'iniziativa europea per il cloud computing ed ho votato a favore perché un cloud europeo può offrire molteplici vantaggi ai cittadini, alle imprese e alle pubbliche amministrazioni, in termini di riduzione dei costi, più agevole accesso alle informazioni, possibilità di condividere contenuti, gestione di progetti in collaborazione e offerta di servizi e prodotti innovativi.
L'Unione europea è in ritardo a livello mondiale rispetto ad altre regioni, quali Stati Uniti, Cina, Giappone e Russia, e in Europa la domanda di servizi di cloud rimane bassa, soltanto una società su cinque ne fa uso. Ben venga, allora, un'iniziativa che punti a fare passi in avanti sul versante dell'offerta di infrastrutture ad alte prestazioni europee.
È evidente, che bisognerà fare molta attenzione, tuttavia, alla tutela e alla protezione dei dati e fare chiarezza sulla provenienza dei finanziamenti pubblici e privati previsti.

Interrogazioni scritte 
I deputati possono rivolgere un numero definito di interrogazioni con richiesta di risposta scritta al Presidente del Consiglio europeo, al Consiglio, alla Commissione e al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione. Articolo 138 e allegato III del regolamento

Interrogazioni alla BCE e concernenti l'MVU e l'SRM 
I deputati possono rivolgere alla BCE interrogazioni con richiesta di risposta scritta e presentare interrogazioni concernenti il meccanismo di vigilanza unico e il meccanismo di risoluzione unico. Tali interrogazioni sono innanzitutto presentate al presidente della commissione competente. Articoli 140 e 141 e allegato III del regolamento

Proposte di risoluzione individuali  
Ogni deputato può presentare una proposta di risoluzione su un argomento rientrante nell'ambito delle attività dell'Unione europea. Le proposte ricevibili sono deferite alla commissione competente, la quale decide sulla procedura. Articolo 143 del regolamento

Dichiarazioni scritte (fino al 16 gennaio 2017) 
**Questo strumento non esiste più dal 16 gennaio 2017** Una dichiarazione scritta era un'iniziativa riguardante un argomento rientrante fra le competenze dell'Unione europea. Poteva essere cofirmata dai deputati entro tre mesi dalla sua pubblicazione.

Dichiarazione scritta sulle malattie respiratorie croniche  
- P8_DCL(2016)0115 - Decaduta  
Alberto CIRIO , Karin KADENBACH , Catherine STIHLER , Kateřina KONEČNÁ , Biljana BORZAN , Eva KAILI , Piernicola PEDICINI , David BORRELLI , Damiano ZOFFOLI , Sirpa PIETIKÄINEN , Nessa CHILDERS , Cristian-Silviu BUŞOI  
Data di apertura : 24-10-2016
Scadenza : 24-01-2017
Numero di firmatari : 249 - 25-01-2017
Dichiarazione scritta sul riesame della realizzazione della nuova linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione  
- P8_DCL(2016)0111 - Decaduta  
Marco VALLI , Daniela AIUTO , Tiziana BEGHIN , Eleonora EVI , Curzio MALTESE , Eleonora FORENZA , Barbara SPINELLI , Karima DELLI , Michèle RIVASI , Isabella ADINOLFI , Marco AFFRONTE , Laura AGEA , David BORRELLI , Fabio Massimo CASTALDO , Ignazio CORRAO , Rosa D'AMATO , Laura FERRARA , Giulia MOI , Piernicola PEDICINI , Dario TAMBURRANO , Marco ZANNI , Marco ZULLO  
Data di apertura : 24-10-2016
Scadenza : 24-01-2017
Numero di firmatari : 43 - 25-01-2017
Dichiarazione scritta sulle competenze e capacità nel settore del turismo  
- P8_DCL(2016)0039 - Decaduta  
Claudia ȚAPARDEL , Cláudia MONTEIRO DE AGUIAR , Igor ŠOLTES , Alfred SANT , Antonio TAJANI , Patricija ŠULIN , Merja KYLLÖNEN , Emilian PAVEL , István UJHELYI , Tomáš ZDECHOVSKÝ , Renaud MUSELIER , Silvia COSTA , David BORRELLI  
Data di apertura : 27-04-2016
Scadenza : 27-07-2016
Numero di firmatari : 72 - 27-07-2016

Dichiarazioni 

Dichiarazione di interessi finanziari