La libertà di espressione, una prospettiva di diritto comparato - Unione europea

13-11-2019

Il presente studio fa parte di un progetto più ampio il cui scopo è quello di analizzare, nella prospettiva del diritto comparato, la libertà di espressione in diversi ordinamenti giuridici. Le pagine descrivono, in relazione all'Unione europea e in relazione all'oggetto dello studio, la legislazione in vigore, la giurisprudenza più significativa e il concetto di libertà di espressione con i suoi limiti attuali e futuri, per concludersi con alcune considerazioni riguardo a possibili soluzioni alle sfide future. Verranno in particolare analizzate le varie forme in cui si articola la libertà di espressione (libertà di opinione, libertà di parola, libertà di comunicare o ricevere informazioni o idee), mettendo in luce la necessità di individuare, da parte delle istituzioni dell’Unione europea, nuove forme di tutela, nel contemperamento dei diversi interessi coinvolti, anche alla luce della rapida evoluzione tecnologica che ha interessato i mezzi di comunicazione e del sempre più diffuso utilizzo dei social media.

Il presente studio fa parte di un progetto più ampio il cui scopo è quello di analizzare, nella prospettiva del diritto comparato, la libertà di espressione in diversi ordinamenti giuridici. Le pagine descrivono, in relazione all'Unione europea e in relazione all'oggetto dello studio, la legislazione in vigore, la giurisprudenza più significativa e il concetto di libertà di espressione con i suoi limiti attuali e futuri, per concludersi con alcune considerazioni riguardo a possibili soluzioni alle sfide future. Verranno in particolare analizzate le varie forme in cui si articola la libertà di espressione (libertà di opinione, libertà di parola, libertà di comunicare o ricevere informazioni o idee), mettendo in luce la necessità di individuare, da parte delle istituzioni dell’Unione europea, nuove forme di tutela, nel contemperamento dei diversi interessi coinvolti, anche alla luce della rapida evoluzione tecnologica che ha interessato i mezzi di comunicazione e del sempre più diffuso utilizzo dei social media.

Външен автор

Questo studio è stato scritto dal Prof. Dr. Vincenzo Salvatore, Università degli Studi dell’Insubria, Varese (Italia), su richiesta della Unità Biblioteca di diritto comparato, Direzione generale dei Servizi di ricerca parlamentare (DG EPRS), Segretariato generale del Parlamento europeo.