skip to content
 
 
 

Pace e valori europei: ne parliamo a Roma con Sofia Corradi

"Pace e valori europei come possibile modello di integrazione e progresso in un mondo globale", è il titolo del libro che sarà presentato il 30 gennaio a Roma nella sede delle Istituzioni europee. Non mancate!

La Fondazione Accademia Europea e Iberoamericana di Yuste ha pubblicato il volume “Pace e valori europei come modello potenziale per l’integrazione e il progresso nel mondo globale”, che include i contributi di studenti insigniti del “Premio Carlo V - Sofia Corradi European Research and Mobility Grant for European Studies” durante il seminario tenutosi nel luglio 2017 a Yuste (Cáceres).

Il Premio Carlo V prevede borse di studio per ricercatori che abbiano completato il loro dottorato in qualunque paese europeo e che stiano lavorando sulla propria tesi di dottorato. La scelta del tema è affidata al vincitore del Premio Carlo V, nel caso specifico la professoressa Sofia Corradi - meglio conosciuta come “Mamma Erasmus” perché ha dato il via al famoso programma di mobilità studentesca - che ha scelto “la pace e i valori europei” come argomento della ricerca.

Il libro include la riflessione di Sofia Corradi sulla pace, che definisce “una prova, un risultato e un premio”. Sofia Corradi considera il programma Erasmus “Uno strumento di lavoro per la pace, un modesto contributo preventivo”, e nella sua prefazione al volume , la professoressa Corradi descrive l’evoluzione di Erasmus dal 1987; a oggi il programma ha permesso a circa 5 milioni di studenti di effettuare scambi di studio.

Il libro sarà presentato il 30 gennaio 2020 a Roma. Autori, ricercatori ed editori del libro, insieme a Sofia Corradi parteciperanno all’iniziativa.

 

Dove e quando

Roma, Spazio Europa
Via IV Novembre, 149

Giovedì 30 gennaio 2020 - dalle 15,30 alle 18,30

Per partecipare è necessario registrarsi all'indirizzo
registro@fundacionyuste.org

L'evento si svolgerà in lingua inglese

I lavori pubblicati nel volume sono stati realizzati grazie al contributo dell'Assemblea dell'Estremadura, l'Agenzia di Cooperazione internazionale allo sviluppo dell'Estremadura (AEXCID), l'Ambasciata d'Italia in Spagna, il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, l'Assemblea dell'Estermadura, il Consiglio provinciale di Cáceres, il Consiglio provinciale di Badajoz, l'Università dell'Estremadura, Patrimonio Nacional e la rete SEGEI (Socio Economic Governance and European Identity).