skip to content
 
 
 

Sessione plenaria dal 17 al 19 giugno a Bruxelles: scopri l'agenda

Bilancio UE 2021-2027, valutazione negoziati sulle relazioni future UE-UK, Conferenza sul futuro dell’Europa, razzismo e violenza dopo il caso Floyd, Covid-19 e diritti fondamentali, ripristino libera circolazione, protezione industrie strategiche, investimenti sostenibili: questo e molto altro in agenda.

In vista della videoconferenza dei membri del Consiglio europeo il 19 giugno 2020, i deputati esprimeranno la loro posizione sul finanziamento a lungo termine dell'UE e sulla ripresa economica nel contesto della crisi COVID-19. Il dibattito con il Presidente deo Consiglio, Charles Michel, mercoledì 17 giugno.

In una risoluzione che sarà votata giovedì, i deputati faranno un bilancio dei progressi compiuti nei negoziati UE-Regno Unito su un nuovo partenariato. Mercoledì il dibattito.

Il Parlamento chiede che la Conferenza sul futuro dell'Europa cominci possibilmente entro l'autunno e si faccia carico delle nuove sfide per l’UE che sono state portate alla luce durante la pandemia COVID-19. Si dibatte mercoledì, si vota giovedì sul testo finale. La Conferenza, che sarà organizzata dal Parlamento, dal Consiglio e dalla Commissione, avrebbe dovuto iniziare nel maggio 2020 e durare due anni, ma è stata ritardata a causa della pandemia COVID-19.

La violenza della polizia contro gli afroamericani e le proteste antirazziste negli Stati Uniti e nell’UE - dopo il caso di George Floyd - saranno al centro di un dibattito mercoledì, che si concluderà venerdì con una risoluzione.

I deputati discuteranno giovedì con il capo degli affari esteri dell'UE Josep Borrell e un rappresentante del Consiglio UE, gli effetti della lotta contro la diffusione di COVID-19 sui diritti fondamentali nell'UE, e in particolare su come affrontare la disinformazione e proteggere la libertà di espressione.

Il Parlamento discuterà giovedì, con i rappresentanti del Consiglio e della Commissione, la possibile riapertura delle frontiere interne dell’UE e il ritorno a uno spazio Schengen completamente funzionante, e voterà una risoluzione sulla questione venerdì.

Mercoledì, la Commissione e il Consiglio presenteranno in Plenaria le proposte per proteggere le industrie europee, indebolite dalla crisi COVID-19, dalle acquisizioni straniere.

Giovedì, il Parlamento dovrebbe approvare le nuove regole UE per determinare se un'attività economica sia sostenibile dal punto di vista ambientale. La nuova legge stabilirà sei obiettivi ambientali e consentirà di etichettare l'attività economica come sostenibile dal punto di vista ambientale se contribuisce ad almeno uno degli obiettivi, senza danneggiare significativamente gli altri.

I deputati dovrebbero introdurre una maggiore flessibilità nelle regole sui requisiti patrimoniali delle banche per facilitare i prestiti  a imprese e famiglie colpite dalla crisi causata dalla pandemia. Venerdì il voto.

Il Parlamento, in una risoluzione che sarà dibattuta giovedì e votata venerdì, chiede parità di trattamento e protezione dal COVID-19 per i lavoratori transfrontalieri e stagionali.

Mercoledì saranno votate delle modifiche per permettere ai Paesi UE l’utilizzo di fondi per lo sviluppo rurale a sostegno di agricoltori e PMI agroalimentari colpiti dalla crisi.

Ancora mercoledì, il Parlamento discuterà con la Commissione la difficile situazione in cui versano le imprese turistiche di tutta Europa e le possibili azioni per sostenerle. Venerdì sarà votata una risoluzione. I deputati presenteranno inoltre una risoluzione sui trasporti e il turismo, ribadendo l'urgente necessità di un sostegno a breve e lungo termine per entrambi i settori, nonché una linea di bilancio dedicata al turismo sostenibile nel bilancio a lungo termine dell'UE per il periodo 2021-2027.

Mercoledì i deputati dovrebbero dare il via libera a 279 milioni di euro in aiuti UE del Fondo di solidarietà dell'Unione europea (FSUE) a seguito degli eventi meteorologici estremi avvenuti in Austria, Italia, Portogallo e Spagna nel 2019.

 

Articolo pubblicato il 15 giugno 2020