14

risultato/i

Parola(e)
Tipo di pubblicazione
Settore di intervento
Autore
Parole chiave
Data

Achievements and innovations under Mr Draghi’s Presidency and challenges ahead

16-09-2019

For the September 2019 session of the Monetary Dialogue, the Committee on Economic and Monetary Affairs (ECON) tasked monetary experts to analyse achievements of Mr Draghi's Presidency of the European Central Bank and identify challenges for the future architecture of the Economic and Monetary Union (EMU). This note, prepared by Policy department A, gives an overview of in-depth analyses prepared by the experts.

For the September 2019 session of the Monetary Dialogue, the Committee on Economic and Monetary Affairs (ECON) tasked monetary experts to analyse achievements of Mr Draghi's Presidency of the European Central Bank and identify challenges for the future architecture of the Economic and Monetary Union (EMU). This note, prepared by Policy department A, gives an overview of in-depth analyses prepared by the experts.

Below-target inflation and subdued growth in the euro area and elsewhere: implications for monetary policy

16-09-2019

Committee on Economic and Monetary Affairs (ECON) requested monetary experts to analyse implications of below-target inflation and subdued growth in the the euro area for monetary policy. This note, drawn up by Policy department A, gives an overview of in-depth analyses prepared by the experts for the Monetary Dialogue session which took place on 23 September 2019.

Committee on Economic and Monetary Affairs (ECON) requested monetary experts to analyse implications of below-target inflation and subdued growth in the the euro area for monetary policy. This note, drawn up by Policy department A, gives an overview of in-depth analyses prepared by the experts for the Monetary Dialogue session which took place on 23 September 2019.

European Central Bank appointments: Role of the European Parliament

15-07-2019

The European Parliament plays an important role in the appointment processes of two European Central Bank bodies: the Executive Board and the Supervisory Board (Chair and Vice-Chair). This paper aims to: a) provide an overview of the relevant procedural provisions, b) present a selection of past appointments; and c) describe the evolving role of the European Parliament in those procedures. This document was prepared by Policy Department A for the Economic and Monetary Affairs Committee.

The European Parliament plays an important role in the appointment processes of two European Central Bank bodies: the Executive Board and the Supervisory Board (Chair and Vice-Chair). This paper aims to: a) provide an overview of the relevant procedural provisions, b) present a selection of past appointments; and c) describe the evolving role of the European Parliament in those procedures. This document was prepared by Policy Department A for the Economic and Monetary Affairs Committee.

The International Monetary Fund: 15th General Review of Quotas

03-04-2019

The International Monetary Fund (IMF) is set to engage in a quota review which is likely to have important institutional, economic and political consequences. Quotas are an essential component of the governance structure of the IMF, defining the influence member countries exert in the decision-making processes, their financial commitments and access to financing in case of need. The 15th review is likely to revolve around two key issues: overall sufficiency of IMF resources and redistribution of ...

The International Monetary Fund (IMF) is set to engage in a quota review which is likely to have important institutional, economic and political consequences. Quotas are an essential component of the governance structure of the IMF, defining the influence member countries exert in the decision-making processes, their financial commitments and access to financing in case of need. The 15th review is likely to revolve around two key issues: overall sufficiency of IMF resources and redistribution of quota shares between countries. This paper, prepared by Policy department A, aims to provide a general description of the quota system and the current state of play of the review. It also discusses the dimension of parliamentary scrutiny.

Studies in Focus: Mis-selling of Financial Products

14-09-2018

This note, prepared by Policy Department A for the Committee on Economic and Monetary Affairs, gives an overview of five studies on Mis-selling of financial products which were published in June 2018.

This note, prepared by Policy Department A for the Committee on Economic and Monetary Affairs, gives an overview of five studies on Mis-selling of financial products which were published in June 2018.

La Banca europea per gli investimenti

01-02-2018

La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'Unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a progetti pertinenti. La BEI sovvenziona progetti sia all'interno che all'esterno dell'UE. I suoi azionisti sono gli Stati membri dell'UE. La BEI rappresenta l'azionista principale del Fondo europeo per gli investimenti (FEI), insieme al quale costituisce il Gruppo BEI. Nell'ambito del piano di investimenti per l'Europa proposto dalla Commissione ...

La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'Unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a progetti pertinenti. La BEI sovvenziona progetti sia all'interno che all'esterno dell'UE. I suoi azionisti sono gli Stati membri dell'UE. La BEI rappresenta l'azionista principale del Fondo europeo per gli investimenti (FEI), insieme al quale costituisce il Gruppo BEI. Nell'ambito del piano di investimenti per l'Europa proposto dalla Commissione, il Gruppo BEI rientra in una strategia più ampia finalizzata a colmare la notevole carenza di investimenti agevolando gli investitori grazie alla riduzione di alcuni dei rischi inerenti ai progetti.

Libera circolazione dei capitali

01-02-2018

La libera circolazione dei capitali è una delle quattro libertà fondamentali del mercato unico dell'UE e, oltre a essere quella di più recente introduzione, è anche la più ampia in virtù della sua peculiare dimensione extra UE. La liberalizzazione dei flussi di capitale è progredita gradualmente. A partire dal trattato di Maastricht (1994) sono state eliminate le restrizioni ai movimenti di capitali e ai pagamenti, sia tra gli Stati membri che tra questi ultimi e i paesi terzi. Il principio ha efficacia ...

La libera circolazione dei capitali è una delle quattro libertà fondamentali del mercato unico dell'UE e, oltre a essere quella di più recente introduzione, è anche la più ampia in virtù della sua peculiare dimensione extra UE. La liberalizzazione dei flussi di capitale è progredita gradualmente. A partire dal trattato di Maastricht (1994) sono state eliminate le restrizioni ai movimenti di capitali e ai pagamenti, sia tra gli Stati membri che tra questi ultimi e i paesi terzi. Il principio ha efficacia diretta, ovvero non richiede ulteriori interventi normativi né su scala UE né a livello di Stati membri.

Storia dell'Unione economica e monetaria

01-02-2018

L'Unione economica e monetaria (UEM) è il risultato dell'integrazione economica progressiva dell'Unione europea. È un'evoluzione del mercato unico dell'Unione europea, con regolamentazioni comuni sui prodotti e libera circolazione delle merci, dei capitali, del lavoro e dei servizi. Una moneta comune, l'euro, è stata messa in circolazione nella zona euro, che comprende attualmente 19 Stati membri dell'Unione. Tutti i 28 Stati membri — ad eccezione del Regno Unito e della Danimarca — devono adottare ...

L'Unione economica e monetaria (UEM) è il risultato dell'integrazione economica progressiva dell'Unione europea. È un'evoluzione del mercato unico dell'Unione europea, con regolamentazioni comuni sui prodotti e libera circolazione delle merci, dei capitali, del lavoro e dei servizi. Una moneta comune, l'euro, è stata messa in circolazione nella zona euro, che comprende attualmente 19 Stati membri dell'Unione. Tutti i 28 Stati membri — ad eccezione del Regno Unito e della Danimarca — devono adottare l'euro dopo una partecipazione di almeno due anni al meccanismo di scambio ERM II e a condizione di soddisfare i criteri di convergenza. La Banca centrale europea (BCE) mette in atto una politica monetaria unica, completata da politiche di bilancio armonizzate e da politiche economiche coordinate. In seno all'UEM non esiste un'istituzione unica responsabile della politica economica. Questa responsabilità è condivisa tra gli Stati membri e varie istituzioni dell'Unione.

Sistema europeo di vigilanza finanziaria (SEVIF)

01-02-2018

Il Sistema europeo di vigilanza finanziaria (SEVIF) è un sistema plurilivello di autorità microprudenziali e macroprudenziali che comprende il Comitato europeo per il rischio sistemico, le tre autorità europee di vigilanza e le autorità di vigilanza nazionali. Il SEVIF mira ad assicurare una vigilanza finanziaria coerente e uniforme all'interno dell'UE. Tale sistema di vigilanza sta subendo cambiamenti in considerazione della nascita dell'Unione bancaria e del futuro recesso del Regno Unito dall'UE ...

Il Sistema europeo di vigilanza finanziaria (SEVIF) è un sistema plurilivello di autorità microprudenziali e macroprudenziali che comprende il Comitato europeo per il rischio sistemico, le tre autorità europee di vigilanza e le autorità di vigilanza nazionali. Il SEVIF mira ad assicurare una vigilanza finanziaria coerente e uniforme all'interno dell'UE. Tale sistema di vigilanza sta subendo cambiamenti in considerazione della nascita dell'Unione bancaria e del futuro recesso del Regno Unito dall'UE.

Politica in materia di servizi finanziari

01-02-2018

I servizi finanziari costituiscono un elemento essenziale nel quadro degli sforzi dell'UE volti a completare il mercato interno, nell'ambito della libera circolazione di servizi e capitali. I progressi verso l'integrazione hanno seguito diverse fasi, che possono essere suddivise come segue: 1) rimozione delle barriere nazionali all'ingresso sul mercato (1957-1973); 2) armonizzazione delle legislazioni e delle politiche nazionali (1973-1983); 3) completamento del mercato interno (1983-1992); 4) creazione ...

I servizi finanziari costituiscono un elemento essenziale nel quadro degli sforzi dell'UE volti a completare il mercato interno, nell'ambito della libera circolazione di servizi e capitali. I progressi verso l'integrazione hanno seguito diverse fasi, che possono essere suddivise come segue: 1) rimozione delle barriere nazionali all'ingresso sul mercato (1957-1973); 2) armonizzazione delle legislazioni e delle politiche nazionali (1973-1983); 3) completamento del mercato interno (1983-1992); 4) creazione dell'area della moneta unica e periodo pre-crisi (1999-2007); e 5) riforma post-crisi (dal 2007). Il recesso del Regno Unito dall'UE comporta una nuova serie di sfide con possibili implicazioni per il settore dei servizi finanziari all'interno dell'UE e al di fuori di essa.

Prossimi eventi

20-11-2019
Europe's Future: Where next for EU institutional Reform?
Altro evento -
EPRS

Partner

Restare connessi

email update imageSistema di aggiornamento per e-mail

Il sistema di aggiornamento per e-mail, che invia le ultime informazioni direttamente al tuo indirizzo di posta elettronica, ti permetterà di seguire tutte le persone e gli eventi legati al Parlamento, tra cui le ultime notizie riguardanti i deputati, i servizi di informazione o il Think Tank.

Potrai accedere al sistema da qualsiasi pagina del sito web del Parlamento. Per iscriverti e ricevere le notifiche relative al Think Tank, sarà sufficiente fornire l'indirizzo di posta elettronica, selezionare il tema che ti interessa, indicare con quale frequenza desideri ricevere le informazioni (quotidiana, settimanale o mensile) e confermare l'iscrizione facendo clic sul link che riceverai via mail.

RSS imageFlussi RSS

Segui tutte le notizie e gli aggiornamenti del sito del Parlamento grazie ai flussi RSS.

Per configurare il tuo flusso RSS, fai clic sul link qui sotto.